Notizie

Le politiche del nuovo primo ministro Mario Draghi contro il populismo in Italia
Le politiche del nuovo primo ministro Mario Draghi contro il populismo in Italia

Una nuova era di amministrazione populista in Italia sembrava essere inaugurata dal Movimento Cinque Stelle e dalla Lega nel 2018. Anche se Mario Draghi è un tecnocrate, meno di tre anni dopo le elezioni del 2018, il paese ha un primo ministro tecnocratico. Quando si parla del futuro del populismo nella politica italiana, Marino De Luca esamina cosa comporta questo nuovo sviluppo. Nuove amministrazioni guidate da tecnocrati sono state recentemente messe in atto in Italia. Il populista Movimento Cinque Stelle in Italia faceva parte di un governo di coalizione di centro-sinistra che era piuttosto popolare. Matteo Renzi ha organizzato la caduta di questo gabinetto, che ha messo Mario Draghi al centro della politica italiana. È stato formato un nuovo governo più inclusivo, con rappresentanti di tutti gli spettri politici, compresi quelli populisti e tecnocratici. Come risultato, la relazione populista dell'Italia con gli Stati Uniti sembra entrare in una nuova era di sovranismo e populismo significato.

Come siamo finiti in questa situazione?

Dal "terremoto politico" delle elezioni nazionali italiane del 2013, il panorama politico in Italia ha vissuto un cambiamento sostanziale. L'anti-establishment Movimento Cinque Stelle (M5S) è emerso come il partito politico più dominante in Italia in un breve periodo. Un novizio della politica, Giuseppe Conte, è stato nominato primo ministro dal M5S con l'aiuto della Lega di Matteo Salvini nel 2018. Sembra aver posto le basi perché i due principali partiti populisti in Italia costruiscano un nuovo tipo di governo. Salvini ha rimosso il suo partito dalla coalizione nel 2019 a causa delle differenze tra questi partiti populisti, permettendo alla Lega di prendere le redini del governo in Italia. Certo, allora si sarebbe infastidito. Con questo in mente e con il sostegno dell'Unione europea, Conte è stato in grado di mantenere la sua posizione come primo ministro mentre il problema Covid-19 era al suo apice.

È tutta una questione di democrazia

Tuttavia, l'ex ala del Partito Democratico di Matteo Renzi, Italia Viva, era appena uscita dal gabinetto di Conte, scatenando un drammatico cambiamento nelle possibilità del governo italiano. Anche se una nuova amministrazione formata dallo stesso Conte sembrava essere un'alternativa realistica, è stata abbandonata a causa delle ardue discussioni. I disaccordi sono emersi rapidamente tra i potenziali partiti di governo, perdendo tempo prezioso che avrebbe potuto essere speso per riassemblare la maggioranza precedente che includeva Renzi. Il presidente Sergio Mattarella ha chiamato Mario Draghi per evitare di tenere elezioni a sorpresa, che è diventato uno dei politici più ammirati d'Italia negli ultimi anni. Gli ha dato il diritto di formare una nuova amministrazione.

combatterono per il re durante la rivoluzione francese

Una panoramica della Camera dei Rappresentanti italiana

Parte del gruppo parlamentare di Liberi e Uguali è Articolo Uno, un partito politico di sinistra in Italia. Le votazioni hanno avuto luogo sia al Senato che alla Camera dei Deputati, con la partecipazione di 302 senatori e 591 deputati. Il nuovo governo del M5S ha quattro ministri di altri partiti politici. La Lega, Forza Italia (FI) del centro-destra e il Partito Democratico (PD) del centro-sinistra ne hanno tre. Solo un ministro serve per ogni gruppo, Italia Viva (IV) e Liberi e Uguali (LEU). Allo stesso tempo, alcuni tecnocrati e populisti nel gabinetto di Draghi sono pochi.

Lorem
Lorem

Ipsum

Le politiche del nuovo primo ministro Mario Draghi contro il populismo in Italia
Lorem